Dichiarazioni Anticipate di Trattamento

Dichiarazioni Anticipate di Trattamento

In data 31 gennaio 2018 è entrata in vigore la Legge 22 dicembre 2017 n. 219, recante "Norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento" che, all'art. 4, introduce specifica regolamentazione in merito alle DAT.

COSA SONO LE D.A.T. 

Ogni persona maggiorenne e capace d'intendere e di volere, in previsione di un'eventuale futura incapacità di autodeterminarsi, può esprimere le proprie volontà in materia di trattamenti sanitari, nonché il consenso o il rifiuto rispetto ad accertamenti diagnostici o scelte terapeutiche e singoli trattamenti sanitari. A tale fine può indicare una persona di fiducia, denominata "fiduciario", che ne faccia le veci e la rappresenti nelle relazioni con i medici e le strutture sanitarie. Il fiduciario deve essere una persona maggiorenne e capace d'intendere e di volere. L'accettazione della nomina, da parte dello stesso, avviene attraverso la sottoscrizione delle DAT, o con atto successivo, che è allegato alla DAT medesima. L’intestatario delle D.A.T. dovrà consegnare al fiduciario una copia delle D.A.T.

LA FORMA DELLE D.A.T.

Le DAT possono essere redatte nella forma di:

  • atto pubblico o scrittura privata autenticata;
  • scrittura privata che può essere consegnata personalmente dal disponente all’Ufficio di Stato Civile del Comune di residenza, ovvero presso le strutture sanitarie preposte all’adempimento.

LA CONSEGNA DELLE DAT ALL’UFFICIALE DELLO STATO CIVILE DEL COMUNE DI RESIDENZA ANAGRAFICA

L'Ufficiale dello Stato Civile è legittimato a ricevere esclusivamente le DAT consegnate personalmente dal disponente residente nel Comune. NON PUO' ricevere le DAT recate da disponenti non residenti.

Le DAT devono essere personalmente consegnate dal disponente : 1 originale e 2 copie. All'atto della consegna viene rilasciata idonea ricevuta da apporre sia sull'originale, sia sulle copie che verranno restituite al disponente. Il disponenete inoltre compilerà e firmerà un’istanza di consegna delle Disposizioni Anticipate di Trattamento (Art. 4, comma 6, della legge 22 dicembre 2017, n.219).

Le DAT ricevute vengono registrate in un ordinato elenco cronologico, appositamente predisposto nel programma informatico in dotazione, in attesa di poterle trasmettere alla banca dati del Ministero della Salute, di cui all'art. 1, comma 418 della L. n. 215/2017. A tal fine vengono accuratamente custodite e conservate, in conformità ai principi di riservatezza dei dati personali.

L'Ufficiale di Stato Civile non autentica la firma apposta in calce alla DAT, limitandosi a verificare che la stessa sia autografa, prima che venga inserita in apposita busta con allegata copia della C.I. del disponente e del fiduciario oltre alla copia della tessera sanitaria in corso di validità del disponente.

L'Ufficiale di Stato Civile non può partecipare alla redazione della disposizione, né può fornire informazioni od avvisi in merito al contenuto, limitandosi a verificare i presupposti della consegna (cioè l'identità del disponente e la sua residenza anagrafica nel Comune) e a riceverla, come disposto dal Ministero dell'Interno, d'intesa con il Ministero della Salute, con Circolare dell'8.2.2018, n. 1.

Eventuali modifiche delle DAT, devono essere comunicate con le medesime modalità previste per la presentazione.

II servizio di ricezione delle DAT si svolge  presso il Settore Servizi Demografici, negli orari di apertura al  pubblico.

CONTATTI

Per informazioni e comunicazioni, gli interessati devono contattare l'Ufficio di Stato Civile di questo Comune, presso il Settore Servizi Demografici. Telefono 030/2537402-030/2537403-030/2537408 Indirizzo di posta elettronica: demografici@comune.nave.bs.it Posta elettronica certificata: demografici@pec.comune.nave.bs.it

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

Data: 01/10/2018 Ultima modifica: Lun, 01/10/2018 - 10:12